In questo articolo esploriamo insieme come eseguire un’analisi aziendale semplice, partendo da 4 punti chiave e come mettere in pratica i tuoi risultati.In fondo alla pagina troverai anche un esempio e un modello scaricabile gratuitamente per aiutarti a iniziare un’analisi in autonomia nella tua azienda.

L’analisi aziendale è una tecnica per valutare tutti gli aspetti della tua attività.

Che cos’è un’analisi aziendale?

Determina in maniera chirurgica i punti di forza, debolezza, opportunità e minacce, nella nostra matrice questi sono per noi di Pathos comunicazione 4.0 i punti chiave dai quali partire.
Acquisendo destrezza potresti sostituire o addirittura aggiungere campi all’infinito, per esempio VANTAGGI, VINCOLI, SFIDE, PASSATO, PRESENTE, FUTURO ecc.

Scopri cosa funziona meglio rispetto ad altri reparti in azienda, quali sono le risorse più produttive e quelle invece più carenti, quelle da eliminare e quelle da potenziare.

Può sembrare assurdo, ma in realtà, una cosa è pensarlo in solitudine nel tuo ufficio, un’altra è confrontarsi in team con tutti i membri intorno ad un tavolo. Metterlo per iscritto. Ti assicuro che potresti avere delle sorprese poiché quello che pensi tu non è detto che sia lo stesso percepito dai tuoi collaboratori.

Utilizza la matrice di analisi aziendale che abbiamo studiato per te per valutare la posizione attuale della tua azienda prima di decidere su qualsiasi nuova strategia.

Chiediti dove vuoi andare, come potresti arrivarci e cosa potrebbe ostacolarti.

Punti chiave.

L’analisi aziendale ti consente di identificare con precisione i punti di forza e di debolezza della tua azienda, le possibili opportunità e le potenziali minacce.

Ti aiuta a prendere coscienza su ciò che fai bene, ma soprattutto affrontare ciò che presenta più carenze, questo ti aiuterà a ridurre al minimo i rischi e approfittare delle opportunità che si presenteranno.

La matrice di analisi aziendale.

Come fare l’analisi.

Non affrontare mai l’analisi da solo, non sarebbe né obbiettivaproduttiva.

Inizia valutando i tuoi punti di forza, i punti deboli, le opportunità e le minacce con il tuo team e, possibilmente con un consulente esterno, scegli tra i collaboratori quelle persone che ricoprono diversi incarichi, dalla produzione alla distribuzione, al commerciale ecc. Ciò contribuirà a creare un’immagine chiara e reale della situazione a tutto tondo.

Quando inizi a elaborare la tua analisi, sii realistico e rigoroso, non tergiversare, non cercare di nasconderti o trovare giustificazioni per ogni cosa poiché il risultato potrebbe risultare falsato producendo risultati fuorvianti che non portano giovamento. Dai priorità alle idee, per concentrare tempo e denaro sulle azioni e sulle soluzioni più significative e di impatto.

L’analisi aziendale è uno strumento semplice che può aiutarti ad analizzare ciò che la tua azienda sa fare meglio e ad elaborare una strategia di successo per il futuro, può anche rivelare aree di business dove ancora non ti stai impegnando che i tuoi concorrenti potrebbero sfruttare se non intervieni.

Usa la condivisione di idee, tecniche di brainstorming per creare un elenco su dove è posizionata attualmente l’azienda. Ogni volta che identifichi un punto di forza, debolezza, opportunità o minaccia, annotalo nella parte pertinente della griglia di analisi che puoi scaricare dal download fondo pagina.

Non perdere mai di vista il quadro generale, via via che avanza l’analisi, poni attenzione a ciascuna area.

I punti di forza.

I punti di forza sono le attività e le risorse che la tua azienda sviluppa particolarmente bene o in maniera distintiva rispetto alla concorrenza. In pratica quelle che contribuiscono ad aumentare il valore dell’azienda. Pensa ai vantaggi che l’azienda ha rispetto ai competitor perché potrebbero rappresentare la motivazione della tua personale crescita, l’approvvigionamento di determinati materiali o un’avanzato processo di produzione? Pensaci.

I tuoi punti di forza sono parte integrante dell’azienda, quindi fai conto di pensare a cosa la rende “funzionante”:
Cosa sai fare meglio di chiunque altro?
Quali valori guidano la tua attività?
A quali risorse uniche o a basso costo puoi attingere a differenza degli altri?

Ma c’è un aspetto ancor più importante dei tuoi punti di forza, i punti di forza dei tuoi competitor.
Adesso quindi capovolgi la tua prospettiva e chiediti quali potrebbero essere i punti di forza dei tuoi concorrenti. Quali fattori significativi determinano più quote di mercato ai tuoi competitor?

Ricorda, qualsiasi aspetto dell’azienda è un punto di forza solo ed esclusivamente se porta un chiaro vantaggio. Ad esempio, se tutti i tuoi concorrenti forniscono prodotti di alta qualità, allora un processo di produzione di alta qualità non è un punto di forza: è una necessità oggettiva, altrimenti perderesti quote di mercato.

Punti deboli.

I punti deboli, come i punti di forza, sono caratteristiche intrinseche dell’azienda, quindi concentrati su persone, risorse, sistemi e procedure. Pensa a cosa potresti migliorare e al tipo di pratiche che dovresti evitare.

Ancora una volta, immagina come ti vedono i consumatori ed i tuoi concorrenti nel tuo settore di riferimento. Forse notano alcuni punti deboli che a te sfuggono? Prenditi del tempo per esaminare come e perché i tuoi concorrenti stanno facendo meglio di te. Cosa ti manca? In questa fase potresti scoprire visioni diverse, alle quali tu non avevi proprio posto attenzione, il lavoro di gruppo è significativo in questa analisi.

Dobbiamo essere il più possibile onesti. Un’analisi risulterà efficace solo se raccogli tutte le informazioni di cui hai bisogno, ma che siano veritiere. Essere realistici è la base di qualsiasi analisi aziendale poiché è meglio chiarire subito per affrontare qualsiasi spiacevole eventualità il prima possibile, prima che diventi una minaccia per l’azienda.

Opportunità.

Le opportunità sono aperture o possibilità.

Di solito derivano da situazioni al di fuori dell’azienda e richiedono una visione aperta a ciò che potrebbe accadere nel prossimo futuro. Potrebbero nascere come sviluppo nel mercato di riferimento, o nelle tecnologie. Essere in grado di identificare e sfruttare al meglio le opportunità può fare un’enorme differenza, evidenzia la capacità dell’azienda di competere e assumere un ruolo di riferimento nel mercato.

Pensa alle opportunità che puoi sfruttare immediatamente.
Anche i più piccoli vantaggi possono aumentare la competitività dell’azienda.
Conosci le tendenze di mercato più interessanti? quale impatto potrebbero avere?

Dovresti anche fare attenzione ai cambiamenti nei modelli sociali, nei profili dei consumatori e negli stili di vita possono generare opportunità interessanti. Osserva nei comportamenti ed i desideri dei consumatori. Molto interessante potrebbe essere visitare le pagine online dei tuoi competitor e leggere i commenti che lasciano i follower per avere un’idea di cosa gradiscono, cosa cambierebbero, come vorrebbero che venisse proposto un prodotto ecc. Resterai meravigliato da quante idee potrebbero nascere prendendo spunto dalle loro reali necessità.

Minacce.

Le minacce includono tutto ciò che può influenzare negativamente la tua attività.
Problemi della catena di produzione, cambiamenti nei requisiti e nell’andamento di mercato o una carenza di presenza online sotto il profilo di comunicazione aziendale. È fondamentale anticipare le minacce e agire prima che una minaccia divenga reale e contribuisca alla flessione dell’azienda bloccando la crescita.

Prova a pensare per esempio a tutte le problematiche ed agli ostacoli che incontra il tuo prodotto sul mercato.
Potresti scoprire che gli standard di qualità o le qualità dei tuoi prodotti non stanno più andando incontro alla richiesta di mercato e che quindi dovrai modificare quei prodotti se vorrai essere competitivo. Particolare attenzione andrebbe posta all’evoluzione che oggi ha avuto la comunicazione e la digitalizzazione delle aziende, tu a che punto sei?

Poni sempre attenzione ai tuoi concorrenti, considera come si stanno comportando e cosa stanno facendo e nel caso, se dovresti cambiare qualcosa nella tua azienda per superarli.
Ma ricorda che quello che stanno facendo andrebbe analizzato nei punti deboli e punti di forza per poter di conseguenza agire migliorando dove loro peccano.

L’azienda è particolarmente esposta a minacce esterne?
Hai problemi di crediti inesigibili o di liquidità, ad esempio, che potrebbero renderti vulnerabile anche a piccoli cambiamenti nel tuo mercato?
Questo è il tipo di minaccia che può danneggiare seriamente la tua attività, quindi fai attenzione.

Come procedere.

Dopo aver esaminato tutti e quattro gli aspetti con un’analisi attenta e obbiettiva come procediamo?

Ti consiglio di sfruttare i tuoi punti di forza, potenziare le aree più deboli, evitare qualsiasi minaccia e sfruttare ogni opportunità. Probabilmente ti troverai di fronte a un lungo elenco di potenziali azioni, occorre procedere in ordine con un piano di politica aziendale che affronterò più avanti in un altro articolo.

Ora è il momento di fare ordine e sfoltire spietatamente gli elenchi dando priorità alle tue idee, in modo da poter concentrare tempo e denaro su quelle più significative e d’impatto.

Potresti anche prendere in considerazione l’utilizzo della matrice più ampia di analisi aziendale più complessa.

Download “Analisi Aziendale Completa_compilata”

ANALISI-AZIENDALE.pdf – Scaricato 87 volte – 89,97 KB

L’esempio di analisi aziendale pre-compilata.

Nella matrice già compilata che ti pongo un esempio. Immagina una piccola azienda di produzione che vuole avere un quadro chiaro della sua situazione attuale, per decidere una futura strategia di crescita.
Il team riunito in gruppo raccoglie tutte le idee e redige l’analisi.

Come risultato dell’analisi del gruppo, è chiaro che i principali punti di forza dell’azienda risiedono nella sua flessibilità e agilità, competenza tecnica e bassi costi generali.
Presenza in una nicchia ristretta di mercato ritenuta esclusiva. Questi punti di forza le consentono di offrire un eccellente proposta ai consumatori sia come unicità di prodotto che come costo ma a una base di clienti relativamente piccola.

I punti deboli dell’azienda infatti sono anche legati alla mancata presenza online, alla mancata digitalizzazione ed alla pressoché assente comunicazione nei canali online ed offline. Bisognerà investire in comunicazione e digitalizzazione quindi, per migliorare la presenza del brand sul mercato di riferimento ed aumentarne la reputazione. Dovrà anche concentrarsi sulla fidelizzazione, in modo da non perdere i clienti acquisiti.

L’azienda può divenire così anche più incisiva sul mercato, avendo come punto di forza l’agilità e la flessibilità, e per prima commercializzare nuovi prodotti e servizi, dato che i suoi competitor risultano più lenti.

Le minacce richiedono di tenersi al passo con tempi e conseguentemente con i cambiamenti di mercato, di requisiti o tecnologici. Per contrastare le minacce, l’azienda deve concentrare la propria comunicazione e marketing per esempio su piattaforme Web di settore ben selezionate, per ottenere la massima presenza sul mercato con un budget pubblicitario ridotto.

Spero con questo articolo di avere contribuito a far chiarezza nella tua azienda.
Tieni presente che, qualora ne avessi bisogno, il mio compito di consulente è quello di far visita alle aziende per contribuire oggettivamente al corretto sviluppo.

Al prossimo articolo!


Per rimanere aggiornato direttamente sul tuo smartphone segui Pathos Comunicazione 4.0 sul canale Telegram: t.me/pathoscomunicazione 👇🏻


Download “ANALISI AZIENDALE SEMPLICE”

ANALISI-AZ.LE_SEMPLICE.pdf – Scaricato 279 volte – 152,41 KB
Pathos Comunicazione 4.0
Author: Pathos Comunicazione 4.0

"Benvenuti nel Magazine online di Pathos comunicazione 4.0, mi presento, mi chiamo Sandra Gambassini. Ti trovi in uno dei luoghi più aggiornati dove parliamo di strumenti di comunicazione aziendale. Qui la passione per la Comunicazione è protagonista, innovativa e precisa. Ti aspetto nelle conversazioni, partecipa anche tu, arricchisci il Magazine con il tuo contributo nei commenti"