Riflessione + Azione.

Le Media Company tradizionali devono competere non solo con molteplici attori consolidati, ma anche con start-up agili e preparate.

La capacità di innovare e differenziarsi diventa cruciale per restare rilevanti, per rimanere competitivi nel panorama digitale in continua evoluzione, le Media Company devono abbracciare l’innovazione tecnologica avvalendosi di competenze sempre più precise.

Negli ultimi decenni, il panorama aziendale è stato sconvolto dalla trasformazione tecnologica che ha posto sfide significative. Il digitale offre nuove vie per la crescita e l’innovazione, ma porta con sé insidie che richiedono un’attenzione consapevole da parte degli imprenditori.

La trappola più pericolosa è affrontare la digitalizzazione con dipendenti poco preparati, in questo caso l’azienda si pone in una posizione estremamente vulnerabile, la formazione dei collaboratori deve correre di pari passo alla vision aziendale dell’imprenditore innovativo. Ma come rimediare?

Il vero ostacolo risiede nella legittima decisione di volere formare il dipendente in autonomia, per cautelarsi dallo stabilire impegni a lungo termine con consulenti esterni, e dalla preferenza di avere un controllo diretto, specialmente nell’eventualità di emergenze.

Le opzioni disponibili però sono limitate, e quelle accessibili presentano vantaggi e svantaggi intrinseci, come qualsiasi processo aziendale.

Le aziende ricorrono alla formazione dei dipendenti avvalendosi spesso di corsi esterni.

Tuttavia spesso ci si scontra con la difficoltà di trovare corsi specifici, costringendo l’azienda ad adattarsi a programmi lunghi più del necessario, preconfezionati, rigidi ed estremamente costosi, con risultati non sempre soddisfacenti.

Per ottimizzare il processo formativo, noi di Pathos Comunicazione 4.0, abbiamo sviluppato un’innovativa soluzione, metodo modulare a sezioni, personalizzato, un processo formativo interno all’azienda, focalizzato sulla digitalizzazione aziendale senza dipendenza da consulenti esterni.

Il progetto “Quaderno di Pathos” nasce per fornire una metodo flessibile che si adegua alle necessità aziendali, e non viceversa, modulare perché composito, si identifica l’argomento formativo e si mette in atto.

Questa risorsa è accessibile dalle più piccole attività fino alle aziende più complesse, proprio perché composta da moduli integrabili, supporta il dipendente direttamente nella sua postazione di lavoro, garantendo l’autonomia operativa del lavoratore in fase di formazione.

Questo approccio personalizzato garantisce all’azienda non solo l’acquisizione delle competenze necessarie dei propri dipendenti, ma di implementarle in totale autonomia accedendo ai contenuti con il nostro supporto solo quando necessario.

Il Quaderno di Pathos offre una gamma diversificata di approfondimenti, pacchetti da personalizzare per soddisfare le specifiche esigenze aziendali.

Sfogliarlo è semplice, quando non è chiaro si avvia il contatto diretto con noi, solo se necessario.

Pathos Comunicazione 4.0
Author: Pathos Comunicazione 4.0

"Benvenuti nel Magazine online di Pathos comunicazione 4.0, mi presento, mi chiamo Sandra Gambassini. Ti trovi in uno dei luoghi più aggiornati dove parliamo di strumenti di comunicazione aziendale. Qui la passione per la Comunicazione è protagonista, innovativa e precisa. Ti aspetto nelle conversazioni, partecipa anche tu, arricchisci il Magazine con il tuo contributo nei commenti"