Turismo, importanti cambiamenti nel settore.

Sono stata recentemente contattata da un’importante struttura del settore turistico. Richiedeva una consulenza per impostare nuovamente la comunicazione nei confronti della clientela esistente, nello stesso tempo attirarne nuove fasce.

Il primo colloquio tendo sempre a tenerlo in maniera informale.

Il mio unico scopo è quello di capire meglio le esigenze e i problemi. A dire la verità li ho tempestati di domande, ma era necessario per capire da quale punto partivo, mi avrebbe aiutata a capire dove volevamo arrivare.

È di vitale importanza far parlare e ascoltare bene per capire. Mi spiego meglio, alcuni miei colleghi sono delle macchinette che srotolano piani super articolati, slider power point per apparire super professionali o forse lo fanno per impressionare, non lo so.

Io tengo sempre un atteggiamento molto semplice, mi piace più che il cliente parli della sua azienda piuttosto che io mi dilunghi sulle mie capacità e sfoggiare software e tecnologie.

Il percorso che un’azienda fa per contattarmi a volte è molto lungo. Se sono arrivati a me è perché hanno letto un mio articolo, oppure hanno visto un mio post su Facebook oppure per uno strano giro di passaparola mi hanno trovata e contattata.

Comunque in qualsiasi modo mi abbiano raggiunta, vale la pena veramente di ascoltare bene che cos’hanno da dire. Significa che hanno un problema ed io voglio assolutamente identificarlo e risolverlo al più presto.

Quindi una bella chiacchierata faccia a faccia la preferisco. Fare le domande giuste per identificare le criticità e fornire le soluzioni migliori.

Determinati i problemi ho concordato di presentare il mio progetto entro la fine di settembre.

Conseguentemente ho avviato una ricerca dei principali indicatori e delle loro tendenze per gli anni successivi al fine di avere un punto di partenza su cui ragionare.

Il fatturato.

Nel 2017 il fatturato del settore turistico è cresciuto, complessivamente attorno al 3%, con un incidenza più positiva nel comparto ricettivo rispetto a quello della ristorazione. Anche il primo trimestre 2018 ha registrato una crescita superiore al 7%.

La spesa globale dei turisti è stata vicina ai 40 miliardi, il valore aggiunto del turismo internazionale, compreso l’indotto, è stato di oltre 40 miliardi.

Sono aumentati i visitatori dell’Unione Europea (+10%) e quelli extra Ue (+4,6%), con la Germania ancora al primo posto nelle presenze.

Un importante elemento di cambiamento è invece quello del ridimensionamento dell’incidenza dell’intermediazione, intesa come tour operator e agenzie di viaggi, a evidenziare invece la crescita della prenotazione diretta tramite il web soprattutto portali e piattaforme turistiche.

Capire le vere necessità dei clienti.

La prima raccomandazione che farò ai responsabili di questa società sarà quella di intercettare al meglio le vere necessità della loro clientela.

Un pò come ho fatto io al primo incontro, ascoltare il pubblico di riferimento, visitare i gruppi sui social relativi  al settore e leggere i commenti:

  1. che cosa cercano le persone ?
  2. come vorrebbero che fossero le strutture ricettive?
  3. perché non sono contenti ?
  4. perché sono entusiasti ?

Per aumentare e rafforzare questa tendenza positiva sarà fondamentale fornire servizi supplementari a quelli tradizionali di vitto e alloggio. Il segreto insomma sta nello “spiare” le persone, capire cosa cercano e cosa vorrebbero fosse migliorato, dare loro ciò che vogliono.

Informare le persone e renderle sempre partecipi delle importanti variazioni che sta adottando la struttura turistica è un ottimo strumento per affiliarsi i clienti.

Esistono però le più svariate categorie, infatti una clientela può essere composta da famiglie con bambini, una clientela con problemi di disabilità, una sportiva, una con animali ecc…. Ognuna di questo gruppo ha necessità diverse. Qui ne parlavo in un precedente articolo, se vuoi dagli un’occhiata.

Crescita, quante possibilità ?

Si capisce immediatamente che i margini di crescita sono enormi a patto di adeguare le tecniche di promozione, sia degli alberghi, sia di strutture come quella di cui sto scrivendo, perchè i vecchi strumenti come la partecipazione a fiere o convegni non danno più i risultati attesi.

La mossa vincente è quella dell’interazione con il mercato e con le comunità locali, sia politiche che commerciali.

Il filone che ci aiuterà in questo lavoro? L’intelligenza artificiale.

Nel frattempo continuerò il mio lavoro di preparazione per essere pronta con il progetto entro la fine di settembre e vi terrò informati degli avanzamenti in opera.

Pathos Comunicazione 4.0
Author: Pathos Comunicazione 4.0

"Benvenuti nel Magazine online di Pathos comunicazione 4.0, mi presento, mi chiamo Sandra Gambassini. Ti trovi in uno dei luoghi più aggiornati dove parliamo di strumenti di comunicazione aziendale. Qui la passione per la Comunicazione è protagonista, innovativa e precisa. Ti aspetto nelle conversazioni, partecipa anche tu, arricchisci il Magazine con il tuo contributo nei commenti"